LA STORIA DEL LIVING ROOM 

Massagno, 10 marzo 1998

Inizia l’avventura chiamata Living room, il locale che non c’era.

 

 

Piccolo, partito quasi in sordina, situato al piano sub di un palazzo residenziale. La struttura del club (ex postribolo anni `70) mantenendo alcuni elementi d’architettura d’interni di quell’epoca viene completato con un arredamento di mobili Design DOC, in collaborazione con Demos Mobilia.

Viene così a crearsi l’originalissimo club/vetrina. Un locale dove passare le nottate luganesi circondati da autentici mobli design, illuminati da altrettanti lampadari e lampade a stelo art-deco, con un contorno di oggettistica retro, e il tutto in vendita!

Oltre al mobilio non sfuggiva agli occhi di nessuno un impianto di spillatura della birra ricavato da un riscaldamento anni `70 (mitico!) unico nel suo genere, posato su un banco-bar progettato e costruito con le proprie mani, come pure il micro palco sul quale si alternavano i concerti e i vari dj

set che infiammavano le notti del club.

 

Una miscela di idee completata da una programmazione musicale del tutto originale, che i due fondatori di questa avventura Jamf e Mauri, cucinavano con grande passione, condivisa inoltre dai sempre più numerosi dj locali (alcuni nuovi sulla scena di allora, ed ora ben conosciuti a tanti). Una miscela appunto di generi che andavano dal jazz al rock, dal funk alla drum’n’bass, dal Lounge alle mitiche serate trash.

Sin dall’inizio è stata quindi importante la collaborazione con persone che, oltre ad essere buoni amici, sono veri professionisti del settore musicale. Con Alessandro Broggini, Alessio Arigoni e Claudio Borella aka dj Orange il Living room ha potuto percorrere esperienze uniche con i loro dj set e condividere l’organizzazione di progetti importanti quali la Rassegna Irma Records (in prima nazionale per l’etichetta), la Rassegna Global Vibes e la residenza esclusiva del Maffia Sound System di Reggio Emilia. Ad esaltare tutto questo l’abile mano grafica di Cele ci ha guidati tutti verso il mondo esterno per far conoscere la nostra ricetta musicale tramite flyer e locandine di indiscussa pregiata fattura.

 

Frutto di questo lavoro è il curriculum di artisti internazionali passati in quel minuto club di Massagno quali Erik Truffaz, la Rassegna Irma Records (Sam Paglia, Clan Greco, Gazzara, Ohm Guru, Montefiori Cocktail...), la Rassegna Global Vibes (Badmarsh, dj Pathan, Nelson Dilation, Feel Good Production, Asian Underground Collective,...), la collaborazione con Dj Rocca del Maffia Club di Reggio Emilia (Maffia Sound System, la prima residenza estera mensile al Living room) e tanti altri. Non mancavano nemmeno le Jam Sesssion Jazz e le serate dedicate alla proiezione di film culto, il mitico Cineroom.

 

Ma le iniziative erano molteplici e uscivano anche dai confini perimetrali del locale.

Una chicca sono sicuramente state le „crociere musicate“, per meglio dire il Living Boat. Quattro escursioni lacuali notturne a cavallo tra il 2000 e il 2003, autentiche seratone, di quelle che si possono definire indimenticabili sia per chi come tanti se le sono godute da passeggeri del vascello sia per chi vi partecipò come personale di bordo. Affascinante lo sbarco a Lugano-centro alle 04.00 del mattino!

E abbagliati dalla bellezza del Golfo di Lugano, il Living room chiuse temporaneamente la sede di Massagno e si trasferì per due mesi in estate su un piccolo battello della flotta della Società di Navigazione attraccato in riva a lago in centro città: il Battello-Bar.

 

E nel bel mezzo di tutto questo ecco apparire Room 15 (...l’avete ancora la T-shirt?!) Durante le edizioni 2001, 2002 e 2003 del Festival internazionale del film di Locarno, il Living room animò le 10 notti del Festival. Ubicato nell’ex night club del Grand Hotel di Muralto (ex postribolo anche quello e convertito pure lui alla cultura musicale...). Una disco-grotta affascinante con tutti gli odori e le atmosfere che una grotta che si rispetti ti possa dare. 10 notti consecutive, un appuntamento imperdibile per ogni festivaliere, firmato Living room.

 

 

Marzo 2002 - Da Massagno a Lugano

 Dopo quattro anni passati a Massagno, ecco affacciarsi all’orizzonte una nuova avventura. Si inizia a valutare la possibilità di trovare una sede più appropriata all’attività del club, e l’occasione spunta dietro l’angolo, o quasi. Sono quel tipo di decisioni che non ti fanno dormire. A malincuore, ovviamente, ma con altrettanta passione si decide di traslocare in Via Trevano 89a, a Lugano.

 

Aumentano gli spazi, cambia in parte l’arredamento, ma non cambia lo stile del club. Segue anche lui l’evoluzione musicale, come muta la sete di musica del popolo della notte. Si incentiva la programmazione. Il jazz per un periodo è residente il giovedì con le sue Jam Session e concerti organizzati in collaborazione con Jazzy Jams.

Cineroom, il mercoledì diventa appuntamento fisso e subentrano i divani al posto delle sedie. Si arricchisce con Cinemino che regala a tutti il grande cinema d’autore e non solo, seguendo un filo conduttore ben preciso, frutto di vera passione per la materia artistisca.

I concerti aumentano di frequenza e qualità, ospiti nuovi solcano il palco del Living room (ricordiamo anche Cristina Donà, Harddiskaunt, Delhi Delight… e dj da tutta Europa cominciano ad affacciarsi sul palco del Living: Howie B, Leehroy Thornhill (ex Prodigy), Storm, Freq Nasty, Will White (Propellerheads) per citarne alcuni.

Parallelamente si sviluppano ulteriori collaborazioni con realtà locali, dj nostrani di tutto rispetto, band dalle qualità invidiabili si esibiscono sempre più sul palco del Living, che assume sempre più i connotati del classico live club.

Tra questi nasce un progetto chiamato Cubase Party e firmato Table - Minuta Rec. Una serie di serate dedicata alla musica elettronica suonata dal vivo, un forum di fruitori del programma Cubase si ritrova al Living a condividere le proprie esperienze e proporre al pubblico band, dj e Party di assoluta qualità. Un interessante periodo collaborazione che si sviluppa ulteriormente portando altre serate marchiate Le nouveau funk, dove la musica la fa sempre da padrona.

  

Per quel che riguarda le serate residenti del locale, entra in programmazione al giovedì Electronic Wave, capitanata da Lee’n’Pee & Effe. E’ lo spazio dedicato alla musica di tendenza, dalla minimal alla techouse, il sound metropolitano del continente europeo. E non mancano gli ospiti internazionali: Shinedoe la prima.

Per quel che riguarda la musica dal vivo il format Tibe is Living with, diretto appunto da Tibe, djscrittore-musicista, porta sul palco del Living ospiti di tutto rispetto come per esempio Andy (Bluvertigo), Jetlag, Deasonika, Krisma, Diaframma….

La serata, mensile, è un contenitore fatto di concerti, dj set e Party-expoarte che danno nuova linfa alle proposte del club.

 

Altra novità è costituita dall’ingresso in cartellone di tiKINÒ. Un laboratorio di idee che ruota intorno al cinema, composto da professionisti come pure da semplici appassionati che si cimentano in piccole produzioni e cortometraggi a tema. Il Living room diventa così la prima sede ufficiale dell’associazione che, a partire dal 2004, vi si ritrova un giovedì al mese per proporre le proprie realizzazioni e non solo. Una collaborazione questa che contribuisce in maniera fondamentale ad ampliare le proposte culturali del club.

 

Come da buona tradizione Living, nell’estate 2004 il club prende in gestione La Cava di Carona (mitico ritrovo negli anni ’70) situato all’interno della Piscina comunale. Ed ecco l’ennesima escursione fuori dai confini perimetrali del club: L’estate all’aperto! In una splendida cornice il Living room accende così le serate del paesino in cima al monte San Salvatore. Tra concerti, teatro, dj set e serate prettamente Lounge il Living room (fra i primi tra l’altro ad aver introdotto il concetto Lounge in Ticino sin dall’apertura del club nel 1998) inizia così la nuova avventura al di fuori della sua sede.

Ed è appunto l’inizio perché negli anni a seguire, 2005 e 2006, il Municipio di Carona gli affida la gestione della ristorazione alla Piscina comunale oltre che alla Cava. Nasce così una bellissima collaborazione con autorità comunali, associazioni e la popolazione stessa. Le serate alla Cava assumono immediatamente un impronta di festa e luogo d’incontro e le iniziative si moltiplicano. Nasce Moonrise, il Party notturno in piscina, con grigliata, concerti, tuffi in piscina, dj set fino a tarda notte.

 

 

 

2007 – 2013

 

Nell’estate 2007 si presenta un’altra occasione che impone una scelta. Ampliare il club?

Risposta: sì.

 

Parte così il progetto e il 30 novembre 2007 il Living room riapre la sua sede, su due piani!

Una lunga ristrutturazione segna il passaggio ad un nuovo concetto del club, che reo dell’esperienza acquisita in 10 anni di attività, affina e completa la sua programmazione. Non solo, grazie alla disposizione su due piani nello stabile gli spazi assumono ciascuno uno specifico indirizzo.

 

Il primo piano: Sala concerto e dancefloor con sala fumatori. Viene rinnovato anche l’impianto audio-luci per permettere una migliore produzione dei concerti e creare un dancefloor degno di questo nome (non che non lo fosse anche precedentemente).

Il secondo piano: Lounge bar, sala biliardo, sala fumatori. Una situazione prettamente lounge a volume moderato, comodi divani e luci soffuse. Un luogo d’incontro culturale e sociale, una isola nel club dove oziare fino a tarda notte.

 

 

Il Living room, si amplia quindi ed assieme a questo restyling archittettonico d’impatto, la programmazione assume un aspetto sempre più importante.

Le iniziative si moltiplicano ulteriormente, si consolidano le collaborazioni esistenti e altre si inseriscono nel cartellone del club.

Fat Noise Booking, l’intraprendente duo luganese che mensilmente porta sul palco del Living gruppi svizzeri ed esteri della scena underground. Un format giovane e di tendenza che segue attentamente la scena live in evoluzione e porta il pubblico a conoscere band emergenti e più affermate (Langhorne Slim, Mojomatics, Zen Circus, Round Table Knights,…)

Ospiti internazionali si aggiungono a cadenza mensile alle serate di Electronic Wave. Tra le proposte (Jeff Mills, Robert Hood Dj Rolando, Mr.C, Jamie Jones, Cassy, Zip e tanti altri.

Anche con il contenitore Tibe is Living with il club alza il tiro e nel corso del 2008 (l’anno dei 10 anni di vita) e parte del 2009 grandi nomi si affacciano al Living room: tra tutti Le Vibrazioni, Marlene Kuntz, Garbo, Massimo Volume, Tony Levin,…

 

Allo stesso modo il mondo che ruota intorno alla musica made in Ticino trova nel Living room un prezioso alleato per esibirsi e presentare le loro creazioni. Dj e band locali si alternano sempre più nella programmazione, e il Living room grazie alla sua rinnovata struttura può aprire le porte e accogliere le proposte della scena musicale ticinese ed offrire loro un occasione in più da aggiungere al proprio curriculum: un esibizione artistica in un luogo pensato e dedicato da oramai ben 15 anni alla promozione della cultura musicale.

 

E il viaggio continua…

« July 2017 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Questo mese al Living room

 
fronte

NEWSLETTER

Iscriviti QUI alla nostra newsletter!